Home Comunicati FESTA DELL’ALBERO: PARCHI, PICCOLI COMUNI, SCUOLE, ASSOCIAZIONI PROTAGONISTI INSIEME ALLA REGIONE LAZIO

FESTA DELL’ALBERO: PARCHI, PICCOLI COMUNI, SCUOLE, ASSOCIAZIONI PROTAGONISTI INSIEME ALLA REGIONE LAZIO

56
0
CONDIVIDI

Anche quest’anno 10.000 piante messe a dimora nel Lazio, grazie al progetto ‘Ripiantiamo la vita’, della Regione Lazio e dell’Ente Parco dei Monti Aurunci. Questo mi sembra davvero un bel modo di festeggiare la Festa dell’Albero 2017, in un anno martoriato da roghi e devastazioni nei boschi e nei territori della Regione Lazio e che aveva bisogno di un gesto di speranza, di futuro, per potersi risollevare da un’estate ‘maledetta’. E sono particolarmente felice di aver collaborato alla promozione di questo progetto, perché la Festa dell’Albero nella Regione Lazio è stata istituita grazie ad un mio emendamento nella Lg Regionale n.12/2016 che disciplina la materia del verde urbano e stabilisce l’adesione alla Giornata Nazionale degli Alberi.
Aceri, Cerri, Meli, Peri, Melograni, Corbezzoli, Olmi, Viburni, protagonisti insieme a Parchi, Piccoli Comuni, associazioni e scuole, di una festa lunghissima, andata ben oltre il tradizionale 21 novembre e che si protrarrà fino a fine mese. Tantissime richieste, più di 3000 solo a Roma e nella sua area metropolitana, perché piantare alberi è sempre un gesto bello, semplice e divertente, di grande valore didattico, che insegna quanto l’ambiente, gli alberi e le piante in particolare, abbiano un ruolo fondamentale sia per la nostra salute, assorbendo l’anidride carbonica e gli inquinanti presenti nell’aria; che per la nostra sicurezza, contribuendo alla prevenzione del dissesto idrogeologico e riqualificano le città; sia per il risparmio energetico, riducendo l’effetto ‘isola di calore’, che per il contrasto ai cambiamenti climatici soprattutto negli ambiti urbani, e per recuperare la bellezza dei territori. E quest’anno sono state distribuite anche tante essenze aromatiche, a costruire percorsi sensoriali, soprattutto nelle scuole dell’infanzia, per educare i più piccoli a riconoscere i profumi e i sapori delle erbe tipiche dei nostri territori laziali, delle nostre tradizioni, dei nostri prodotti tipici.