Home Le mie proposte di legge Legge regionale per favorire la mobilità nuova – pl n. 190 –...

Legge regionale per favorire la mobilità nuova – pl n. 190 – 21/08/2014

1234
0
CONDIVIDI

Innovare e aumentare la qualità dei nostri trasporti in un’ottica sostenibile, per avere città meno inquinate e più sicure, dove i cittadini possano muoversi senza l’uso dell’auto per avere una qualità della vita migliore, e allo stesso tempo promuovere l’occupazione ed il turismo.

Promuovere e sostenere la mobilità nuova, in particolare quella ciclabile, per svilupparne l’uso trasportistico sia per gli spostamenti quotidiani (casa/scuola/lavoro/servizi) sia per le attività turistico ricreative. Questi gli scopi della proposta di legge per la mobilità nuova che ho depositato in Consiglio regionale, per realizzare un sistema strutturale e intermodale che contribuisca al complessivo rilancio del Lazio.

La proposta di legge si propone obiettivi strategici significativi, da perseguire in un’ottica di intermodalità, sia in ambito urbano che extraurbano. Gli assi principali a cui dare impulso sono tre: il miglioramento delle infrastrutture, la promozione e valorizzazione dell’ambiente, fondamentale per usufruire al meglio della rete ciclabile regionale, ed infine la garanzia di una rete di servizi ad hoc per l’accompagnamento della ciclabilità e per il sostegno del cicloturismo. Infine, è molto importante anche l’attivazione di azioni di educazione, formazione e comunicazione. È stato inserito uno specifico articolo relativo ai Target di mobilità, che la Regione potrà fissare per ridurre progressivamente gli spostamenti effettuati con mezzi privati motorizzati nei Comuni capoluogo di Provincia e nei Comuni con più di 10.000 abitanti, incentivando i Comuni stessi a raggiungerli.
Si prevede l’elaborazione del Piano regionale della mobilità ciclistica entro sei mesi dall’entrata in vigore della legge, attraverso un percorso partecipato ed in coerenza con il Piano Paesaggistico regionale, con i piani e gli strumenti digestione delle aree naturali protette regionali, e con la normativa statale vigente.  Il piano regionale della mobilità ciclistica dovrà costituire parte del Piano regionale della Mobilità, dei Trasporti e della Logistica. Sono previsti piani per le unioni dei comuni, ovvero le altre forme di esercizio associato delle funzioni locali, per realizzare interventi, promuovere percorsi e riqualificare infrastrutture inutilizzate, creando e attivando un network sicuro, sostenibile e dedicato per itinerari ciclistici e ciclopedonali.

PL190_Avenali_mobilita

PL approvata dalla Commissione

Guarda a che punto è la legge: http://www.cristianaavenali.it/legge-regionale-mobilita-nuova/