Home Dalla Regione PSR FEASR, 3 milioni di euro per la salvaguardia, il ripristino e...

PSR FEASR, 3 milioni di euro per la salvaguardia, il ripristino e il miglioramento della biodiversità e del paesaggio

387
0
CONDIVIDI

Mitigare gli impatti agricoli sull’ambiente e ridurre il conflitto tra le attività agricole e le esigenze di tutela degli habitat e delle specie, oltreché conservare lo spazio naturale favorendo il mantenimento o la ricostruzione di elementi del paesaggio rurale con valenza di corridoi ecologici: è questo lo scopo della Tipologia di operazione 4.4.1 “Creazione, ripristino e riqualificazione di piccole aree naturali per la biodiversità, di sistemazioni agrarie e di opere e manufatti di interesse paesaggistico e naturalistico” afferente alla Misura 4 – Sottomisura 4.4 del PSR FEASR 2014-2020 per la quale la Regione Lazio ha aperto l’avviso pubblico con una dotazione complessiva di 3 milioni di euro.
L’ambito territoriale interessato dal bando è rappresentato esclusivamente dalle zone Natura 2000 o altre aree di alto pregio naturalistico del territorio regionale, ad esclusione delle aree forestali, come definite all’art. 3 del documento “Linee di indirizzo per la gestione del Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 e disposizioni attuative generali” approvato con D.G.R. n. 147/2016. I siti della Rete Natura 2000 sono individuati ai sensi delle direttive comunitarie 2009/147/CE “Direttiva Uccelli” e 92/43/CEE “Direttiva Habitat”.
Il contributo massimo per ciascun progetto, comprensivo di spese generali, è fissato nella misura del 100% della spesa ammissibile con un massimale del costo totale dell’investimento ammissibile pari a 100.000 euro comprensivo dell’Iva.
I destinatari dell’intervento sono le imprese agricole singole o associate in possesso dei requisiti di cui all’art. 9 del Reg. (UE) n. 1307/2013; Comuni e loro Unioni; le Comunità Montane; gli Enti gestori di Aree Rete Natura 2000 e di altre aree di alto pregio naturalistico; le Associazioni di agricoltori che realizzano investimenti collettivi nella tipologia di operazione 4.1.1. “Investimenti nelle singole aziende agricole finalizzate al miglioramento delle prestazioni”.
Mentre gli interventi ammissibili riguardano impianto e ripristino (recupero vuoti e fallanze) di siepi, filari, cespugli, boschetti e fasce frangivento; ripristino e riadattamento di muretti a secco e terrazzamenti; riqualificazione di zone umide anche lungo le rive di corpi idrici o nella matrice agricola; rifacimenti spondali di corpi idrici naturali minori; realizzazione, ristrutturazione e miglioramento di sentieri e piazzole per escursioni naturalistiche; realizzazione di recinzioni e sistemi alternativi per garantire una coesistenza tra la fauna selvatica e le attività produttive agro-silvo-pastorali o per proteggere particolari essenze a rischio di estinzione
Le domande per accedere ai contributi dovranno essere presentate entro e non oltre il 31 gennaio 2018.
Per tutte le info: http://www.regione.lazio.it/rl_agricoltura/?vw=documentazioneDettaglio&id=43011